Le microimprese in Italia

Analisi dell’ecosistema produttivo Italiano

📊 Dati Istat 2019: prevalenza di microimprese, molte delle quali con occupazione inferiore a 3 dipendenti.

Esploriamo le complessità dell’ecosistema produttivo italiano, proponendo soluzioni per stimolare la crescita e creare un sistema collaborativo tra produzione e supporto alla stessa.

Le micro imprese impiegano in forza lavoro 7.506.860 addetti (43,1%)
contro:

🔹3.573.389 addetti (20,5%) delle piccole imprese;
🔹2.361.035 addetti (13,5%) delle medie imprese;
🔹3.995.793 addetti (22,9%) delle grandi imprese.

🔎 Da unʼanalisi approfondita dei dati risulta evidente che nella maggioranza dei casi le micro imprese non raggiungono nemmeno la soglia dei 3 dipendenti. Nello specifico, sulla base dei dati Istat (2019) è possibile far emergere quanto segue:

– 821.241 imprese hanno un numero di dipendenti tra 3-9 unità

– 3.328.231 imprese hanno un numero di dipendenti inferiore alle 3 unità (il 76% del totale delle imprese esistenti e lʼ80% delle microimprese); di queste ultime sono 2.543.311 le imprese con 0-1 dipendenti (61% delle microimprese);

Analizzando in dettaglio la mappatura dell’economia italiana, emergono micro imprese con una forza occupazionale significativa. Considerando quelle con 3-9 dipendenti come “vere” imprese, si nota che l’80% delle micro, con 0-2 dipendenti, condivide caratteristiche simili a partite Iva e lavoratori autonomi.

L’ecosistema produttivo italiano si presenta quindi come uno scenario complesso ed articolato, dove a predominare numericamente sono le micro imprese, spesso commodity, a basso valore aggiunto e maggiormente improduttive alle quali bisognerebbe fornire strumenti sia finanziari che operativi, coinvolgendo l’offerta del terziario avanzato per metterlo nella condizione di dare supporto a queste PMI nel creare valore aggiunto, per distaccarle così dalla logica del solo prodotto e da una filiera spesso di subappalto senza più margini. Per creare un sistema di contaminazione tra chi produce e chi coadiuva la produzione.

Articolo a cura di Mama Industry, Partner di Open Professionisti

No Comments

Post A Comment